Eventi

Diadmin

Mostra di tesi di architettura

Policromia, segni di architettura contemporanea per la città storica di Piazza Armerina

E un’esposizione tematica dedicata alla valorizzazione del patrimonio culturale della città e si terrà presso il locale Museo Diocesano dal 2 Dicembre 2016 al 4 Gennaio 2017, dal lunedì alla domenica, dalle 9 alle 20.
È organizzata da un gruppo di architetti del territorio che vuole richiamare l’attenzione sul processo di rivitalizzazione e sviluppo delle potenzialità del territorio, tema cruciale dei Beni Culturali, con l’obiettivo di trasformare in risorsa un patrimonio spesso considerato difficile o addirittura inutile da salvaguardare.
“L’idea nasce come risposta propositiva alla ormai consolidata carenza di attenzione verso il patrimonio culturale costruito di una cittadina storica come Piazza Armerina – raccontano gli architetti organizzatori – e, allo stesso tempo, dalla volontà di richiamare l’attenzione, locale e non, verso soluzioni di progetto sostenibili e rispettose dei singoli luoghi. Crediamo che da architetture “mute”, possano diventare reale motore economico e sociale del territorio, anche attraverso il dialogo con le istituzioni e il coinvolgimento della comunità locale”.
La visita è un’ideale passeggiata tra 10 proposte di progetto elaborate nell’ambito della redazione di tesi di laurea, discusse in diversi atenei dal 2011. La giornata inaugurale, venerdì 2 dicembre a partire dalle 17, prevede un convegno sui temi della valorizzazione dei Beni Culturali e del RI.U.SO. con esponenti di rilievo nazionale. Durante il mese di esposizione, sono previsti numerosi altri eventi affini: seminari tecnici e professionali, incontri con le scuole, appuntamenti musicali.
Durante tutta la durata dell’esposizione, ad arricchire l’esperienza della visita, la proiezione di contributi video e un plastico in scala 1:500 di una parte del centro urbano di Piazza Armerina, eseguito mediante l’uso delle più recenti tecnologie nel campo della realizzazione di maquette architettoniche.
Per ognuno dei 10 lavori sarà presente una sintesi composta da 2 elaborati grafici (fase di studio e proposta di progetto) più, in alcuni casi, un modello plastico in scala e brevi informazioni biografiche sugli autori. Si tratta di un’ideale passeggiata, fruibile da soli o in compagnia degli stessi architetti, per osservare le criticità e i punti di forza studiati e rielaborati dai progetti esposti, accomunati da soluzioni di progetto rispettose dei luoghi.
Nel corso del mese di policromia, è previsto un calendario ricco di momenti culturali che si terranno negli stessi locali del Museo su tematiche affini ai Beni Culturali: un seminario tecnico-professionale, una conferenza/dibattito alla presenza di figure qualificate, un incontro organizzato con gli operatori turistici del settore e con le istituzioni. Grande attenzione anche al coinvolgimento degli studenti, attraverso incontri con istituti superiori e laboratori universitari di restauro architettonico. Spazio anche per la musica: sono previsti due appuntamenti serali di approfondimento e ascolto, a ridosso delle festività natalizie.

Approfondimenti
Il nome riprende una forma di accostamento di colori impiegata già nel mondo antico per valorizzare le opere d’arte e le facciate delle architetture monumentali, perché analogo è l’intento dell’esposizione: illuminare il patrimonio culturale costruito di una luce nuova e policroma, attraverso proposte di interventi di architettura contemporanea che ne valorizzino le qualità visibili e nascoste.
L’intervento dell’architetto come studioso e progettista garantisce un approccio specialistico nel processo di rivitalizzazione e sviluppo delle potenzialità del territorio, tema cruciale dei Beni Culturali, con l’obiettivo di trasformare in risorsa un patrimonio spesso considerato difficile o addirittura inutile da salvaguardare.
Il comitato organizzatore sarà assistito da un Comitato Scientifico multidisciplinare con funzione consultiva, scelto tra figure qualificate nel campo dei Beni Culturali – professori universitari e rappresentanti di Enti e Istituzioni – a garanzia del suo rilievo culturale.

Il Comitato Organizzatore
Gli architetti Salvatore Ciantia, Luca Fauzia, Chiara Ficarra e Daniele Militello, con la partecipazione dei colleghi Chiara Alberghina, Claudia Cangemi, Salvatore Conoscenti, Sonia Colletta, Filippo La Leggia, Roberto La Monica , Federica Novello e Marco Raffiotta.

La sede della mostra
Museo Diocesano di Piazza Armerina, piazza Cattedrale 1, 94015 Piazza Armerina (En). Orari apertura: da lunedì a domenica, 9-20.

Elenco delle architetture oggetto di studio
- Chiesa di S. Francesco
- Chiesa di S. Pietro
- Ex Chiesa di S. Anna
- Chiesa dei Teatini, chiesa di S. Chiara (ex Ist. Magistrale) e Torre del Padresanto
- Chiesa di S. Andrea
- Ex Istituto Tecnico Industriale Statale
- Ex cinema Ariston
- Ex Palazzo Vescovile (attuale Museo Diocesano)

.........................................

Partner e sponsor dell’iniziativa
Diocesi di Piazza Armerina, il Laboratorio di Restauro dei Beni Architettonici e Culturali dell’Università degli Studi di Enna “Kore” , l’Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Enna, la Soprintendenza BB.CC.AA. di Enna, il Parco Archeologico della Villa Romana del Casale, il Comune di Piazza Armerina e diversi sponsor privati.

Tutti gli aggiornamenti di policromia sono su Facebook.

 

Locandina [.pdf - 923 kb]    Comunicato stampa [.pdf - 73 kb]

{loadmodule mod_sigplus,policromia Foto}

Diadmin

L’ambiente si fa musica

Abbiamo il piacere di invitarLa al concerto di solidarietà che si terrà il 4 settembre presso il Museo Diocesano.

Il concerto è ad ingresso libero ma in concomitanza, sarà possibile effettuare una donazione a sostegno delle popolazioni colpite dal sisma.
  • ...............................
  •  Per informazioni:
  • Museo Diocesano di Piazza Armerina
  • info@museodiocesipiazza.it
  • tel. (0039) 0935 85622; 
  • Don Filippo Salamone
  • direttore@museodiocesipiazza.it
Diadmin

Ri-Trovamenti

SCOPERTE, PERCORSI, PROMESSE per i beni culturali nella Diocesi di Piazza Armerina tra bilanci e speranze.

mostra a cura di Filippo Salamone

PIAZZA ARMERINA, MUSEO DIOCESANO
31 luglio-26 ottobre 2014, dalle ore 10,00 alle ore 13,00 e dalle ore 16 alle ore 19,00; chiuso lunedì

INAUGURAZIONE MERCOLEDÌ 30 LUGLIO, ORE 18,00

Mercoledì 30 luglio alle ore 18,00, presso il Museo Diocesano di Piazza Armerina, si apre la mostra RI-TROVAMENTI. Scoperte, Percorsi, Promesse per i beni culturali nella Diocesi di Piazza Armerina tra bilanci e speranze.
L'evento espositivo nasce da un'idea maturata da Giuseppe Paci, Direttore dell'Ufficio per i Beni Culturali di Piazza Armerina nonché del Museo Diocesano, sede della mostra, in cui saranno proposte al pubblico alcune esperienze già compiute, altre in atto e altre in programma per la valorizzazione e promozione dei beni culturali ecclesiastici della città e della diocesi.
Si tratta di alcuni esempi del lavoro compiuto, ovvero ancora da portare a termine, dall'Ufficio Diocesano per i BB. CC. EE. e che ancora non erano stati proposti al pubblico. Nel solco della tradizione, il Museo Diocesano è stato il luogo privilegiato ove sono stati presentati i restauri di opere d'arte provenienti dalle chiese della Diocesi e promossi dall'Ufficio Diocesano BB. CC. EE. Alcune di queste talvolta sono state ritrovate nel corso di operazioni di catalogazione o di recupero dei beni architettonici, dopo decenni di oblio.
Contestualmente saranno esposte alcune opere, per le quali gli studi recenti hanno consentito una lettura e un inquadramento più aggiornato e attendibile, accanto ad un campione di opere d'arte contemporanea: il Museo Diocesano infatti è stato pioniere, tra i musei diocesani siciliani, nel proporre mostre d'arte contemporanea cristiana.
La mostra è completata dall'esposizione di alcuni documenti e reperti, che riguardano la figura di san Giovanni Paolo II, e dalle testimonianze delle esperienze compiute nel museo ovvero promosse dall'Ufficio BB. CC. EE. con la presentazione dei progetti futuri, tra questi l'impianto scientifico del realizzando allestimento del Museo Diocesano.
Per confermare la vocazione pastorale e la versatilità culturale del sito, durante l'esposizione è in programma un calendario di attività: incontri e dibattiti sui beni culturali ecclesiastici, convegni internazionali sul tema, presentazioni di volumi, concerti, presentazione di restauri tuttora in corso.
Curatore della mostra è Filippo Salamone, collaborato da Giuseppe Ingaglio.
All'evento inaugurale sono previsti interventi di mons. Rosario Gisana, vescovo di Piazza Armerina, don Giuseppe Paci, Direttore Museo Diocesano di Piazza Armerina, don Filippo Salamone, vicedirettore Museo Diocesano di Piazza Armerina, prof. Giuseppe Ingaglio, storico dell'arte e consulente scientifico del medesimo museo. È prevista inoltre la partecipazione dell' arch. Salvatore Gueli, Soprintendente Beni Culturali e Ambientali di Enna, e del dott. Lorenzo Guzzardi, Soprintendente Beni Culturali e Ambientali di Caltanissetta a testimoniare la reciproca collaborazione per la tutela, salvaguardia e valorizzazione del patrimonio culturale del territorio della diocesi di Piazza Armerina.

 

...........................

Per Informazioni
Museo Diocesano di Piazza Armerina 0935-680113
piazza Duomo, 94015 PIAZZA ARMERINA (EN)
tel. 093585622; 0935680113-3
artesacrabbccee@diocesiarmerina.it

Diadmin

Lasciatemi andare

MUSEO DIOCESANO DI
PIAZZA ARMERINA

 

 

 

 

 

 

PRESENTAZIONE DEL LIBRO:
 “LASCIATEMI ANDARE”

INTERVERRANNO:

-Padre Pasquale Bellanti – parroco di Santo Stefano in Piazza Armerina;

-Dott.ssa Carmela Lo Presti – neurologo all’ospedale “Umberto I” di Enna;

-Dott. Salvatore Nicotra – associazione “Domus Artis”;

-Lorena Muscarà – rappresentante dei “Papa Boys”.

 

 Il Direttore del museo
  Padre Giuseppe Paci

  Il Presidente di “Domus Artis”

Padre Filippo Salamone

Diadmin

2006

lasciatemi andare    

 SABATO 22 APRILE 2006 ORE 18,00

PRESENTAZIONE DEL LIBRO "LASCIATEMI ANDARE"

Museo Diocesano di Piazza Armerina.
Interverranno [...

 
Diadmin

2007

augusta regina    

 LUNEDI' 13 AGOSTO 2007 ORE 10,30

AUGUSTA REGINA DELLE VITTORIE

Museo Diocesano di Piazza Armerina.
Mostra temporanea [...]

  

 

 

 

 

seguite luce    

 SABATO 07 MARZO 2007 ORE 19,30

MOSTRA "SEGUITE LA LUCE

Chiesa Gran Priorato di Sant’ Andrea, via Torquato Tasso, Piazza Armerina.
Apertura serale straordinaria della chiesa [...]

  

 
Diadmin

Seguite la luce

Dal 7 Dicembre 2007 al 6 Gennaio 2008 presso il Museo Diocesano di Piazza Armerina si è tenuta la mostra dal titolo “…Seguite La Luce”.L’evento è stato ideato, progettato e realizzato dall’associazione di volontariato sociale e promozione dei beni culturali “Domus Artis” di Piazza Armerina.
Tema della mostra, così come suggerisce il titolo, è stato quello della Natività infatti sono stati esposti dipinti, bambinelli di cera, gesso e legno e presepi provenienti da varie parti del mondo che hanno fornito alla comunità la possibilità di rievocare gli episodi della nascita di Gesù attraverso una parte del notevole patrimonio artistico della Diocesi di Piazza Armerina. Infatti le opere esposte provenivano da diversi comuni della Diocesi che abbraccia le province di Enna e Caltanissetta.
Inoltre, in via del tutto eccezionale, il Consiglio Comunale di Piazza Armerina ha permesso che venisse eposto un dipinto che normalmente è conservato presso la sala consiliare.La mostra è stata inaugurata giorno 7 dicembre 2007 presso il salone delle conferenze del Museo Diocesano alla presenza del vescovo della Diocesi di Piazza Armerina Sua Ecc. Mons. Michele Pennisi, del direttore dell’Ufficio BB.CC.EE della Diocesi di Piazza Armerina e direttore del Museo Diocesano Don Giuseppe Paci ,del sindaco Dott. Maurizio Prestifilippo e delle altre autorità politiche della Città. 

Nel corso dell'inaugurazione è stato presentato , agli intervenuti e alla stampa locale presente, il catalogo dal titolo “…Seguite La Luce” ricco di interventi scientifici di carattere storico, artistico, antropologico, liturgico, musicale, che ha accompagnato i visitatori durante il percorso espositivo.La mostra è  rimasta aperta nei giorni feriali dalle ore 10 alle 13 e dalle 15:30 alle 18:30, e nei giorni festivi dalle ore 10 alle 18:30 con ingresso gratuito ed ha registrato una numerosa affluenza di visitatori.
In particolare ottima è stata la presenza delle scolaresche della città di Piazza Armerina e dei comuni limitrofi. I giovani alunni  hanno  accolto con soddisfazione l'organizzazione di un tale evento, perchè ha permesso loro di conoscere le bellezze artistiche di proprietà della Diocesi di Piazza Armerina, anche grazie al preziosissimo servizio di guida offerto dai giovani dell’associazione Domus Artis. Molte delle opere esposte non sono fruibili perchè custodite in chiese momentaneamente non aperte al pubblico. In particolare la mostra si è rivelata l'occasione per dare la possibilità ai visitatori di ammirare un dipinto che era stato trafugato da una chiesa di Piazza Armerina e recuperato dal  Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale Nucleo di Palermo.Giorno 5 gennaio 2008 nei locali del Museo, a conclusione della mostra, si è tenuto un concerto di musiche natalizie tradizionali a cura del gruppo bandistico Giacomo Magno di Valguarnera .

 

Piazza Armerina 30/01/2008 

 

Il Presidente
     Sac. Don Filippo Salamone

 

 

Diadmin

Augusta Regina delle Vittorie

Il 13 agosto è stata inaugurata, presso i locali del Museo Diocesano, la mostra temporanea "Augusta Regina delle Vittorie", che si è conclusa il 7 ottobre scorso. Le opere pittoriche esposte provenivano dai vari vicariati che compongono il territorio della Diocesi di Piazza Armerina. E' stato esposto anche un gruppo scultoreo prestato dal Rettore della nostra Chiesa di S. Ignazio di Loyola. Facevano anche parte del percorso espositivo alcuni oggetti di pietà popolare prestati da collezionisti privati, alcuni anche provenienti da Comuni di altre Province.
L'evento è stato accolto con gioia da S. E. Mons. Michele Pennisi, che proprio qualche mese prima aveva realizzato un CD musicale con canti anche dialettali e la pubblicazione di un volume esplicativo sui 20 Misteri del S. Rosario. Il nucleo centrale dell'intero percorso espositivo era costituito dai bozzetti del M° Americo Mazzotta che sono poi diventati le vetrate della Chiesa di S. Anna in Enna, la prima al mondo che possiede una rappresentazione grafica di tutti i 20 Misteri del S. Rosario.
Contestuale alla mostra è stata stampata la guida che ha consentito ai visitatori di leggere le opere d'arte con l'ausilio della spiegazione di uno storico dell'arte.
La guida è stata presentata lo stesso giorno in cui si è inaugurata la mostra. I servizi di accoglienza, guida e gestione dell'intero evento sono stati curati dall'Associazione Domus Artis.
Durante i giorni di apertura al pubblico è stato organizzato un concerto musicale di chitarra del M° Pedone.
Si è registrata una massiccia affluenza di visitatori che hanno apprezzato l'impianto espositivo e la pregevolezza delle opere esposte, prima fra tutte la tela di F. Paladini proveniente dalla chiesa di S. Domenico in Mazzarino.
Preziosi, per la riuscita dell'evento, sono state le collaborazioni con le Soprintendenze ai BB. CC. e AA. delle Provincie di Enna e Caltanissetta.

 

 

Diadmin

2009

   

 LUNEDI' 21 DICEMBRE 2009

LA MADONNA DELLE VITTORIE A PIAZZA ARMERINA

Dal Gran Conte Ruggero al Settecento.
La  mostra prosegue fino al 27 febbraio 2010[...]

  

 

 

patroni europa    

 DOMENICA 06 DICEMBRE 2009

PATRONI D’EUROPA E DEI PAESI DELL’UNIONE EUROPEA

Museo Diocesano di Piazza Armerina mostra itinerante per l’Anno della fede [...]

  

 

 

 

Damasco manifesto    

 10 - 15 MAGGIO 2009

SULLA VIA DI  DAMASCO

Museo Diocesano di Piazza Armerina mostra itinerante per l’Anno della fede [...]